Sanremo 2018: un giornalista denuncia la vittoria di Ermal Meta e Fabrizio Moro

sanremo 2018

A poche ore dalla fine di Sanremo 2018 arrivano le prime polemiche sulla vittoria di Ermal Meta e Fabrizio Moro. A fare una pesante denuncia è un giornalista presente in sala stampa, che ha rivelato delle irregolarità nel televoto.

Sono passate solamente poche ore da quando si è conclusa la sessantottesima edizione di Sanremo 2018. Quest’anno il Festival ha visto la vittoria di Ermal Meta e Fabrizio Moro, con il brano Non Mi Avete Fatto Niente. Senza dubbio per il duo quella di quest’anno non è stata una competizione piacevole e senza intoppi. Dopo la prima serata, infatti, i due artisti sono stati accusati di plagio, con gran parte dei giornalisti che hanno richiesto la squalifica immediata. Tuttavia, la Rai ha spiegato che Meta e Moro non avevano violato il regolamento, e che quindi potevano continuare il loro percorso in gara.

La polemica non è bastata per impedire la vittoria dei cantanti, che hanno trionfato portandosi il leoncino a casa. Ermal e Fabrizio, inoltre, gareggeranno all’Eurovision Song Contest. Nonostante la felicità, però, adesso spunta fuori una nuova denuncia, che arriva direttamente da un giornalista accreditato alla sala stampa Lucio Dalla, Dario Antonio. L’uomo a Striscia La Notizia, ha fatto gravi e pesanti accuse, sottolineando irregolarità nel televoto.

“Alle 00:39, 20 minuti prima della chiusura ufficiale del televoto in diretta, in sala stampa è giunta la notizia che i vincitori erano Ermal Meta e Fabrizio Moro. Ho prontamente pubblicato la notizia sul blog Controcomunicazione.com, c’è un post con l’orario specifico della pubblicazione con il quale anticipavo la notizia e ora sono qui per denunciarlo”

Per di più ha aggiunto:

Nel momento in cui ho capito che il televoto fosse palesemente chiuso ancora prima che la chiusura fosse resa pubblica, l’ho fatto immediatamente presente”

Come risponderanno i due cantanti a queste accuse? La Rai e Claudio Baglioni daranno delucidazioni sull’accaduto? Attendiamo notizie a riguardo.