Le infezioni stanno rallentando i mercati azionari europei e innescando le vendite di petrolio

Le infezioni stanno rallentando i mercati azionari europei e innescando le vendite di petrolio

Giorno

Il numero di infezioni da Govt-19 preoccupa gli investitori, mentre le notizie sui prossimi vaccini sembrano già essere state scontate dai mercati. Christine Lagarde (ECP) avverte: “L’economia rischia di deteriorarsi nel breve periodo” ma conferma che la banca centrale “riconsidererà” i suoi strumenti per rispondere alla crisi di dicembre. La coppia EUR / USD è leggermente superiore a 1,185 e lo spread è di 118 punti

Presentato da Enrico Mail e Sierra de Cristobaro

Immagine di scarico predefinita
(EPA)

Il numero di infezioni da Govt-19 preoccupa gli investitori, mentre le notizie sui prossimi vaccini sembrano già essere state scontate dai mercati. Christine Lagarde (ECP) avverte: “L’economia rischia di deteriorarsi nel breve periodo”, ma conferma che la banca centrale “riconsidererà” i suoi strumenti per rispondere alla crisi di dicembre. L’Euro / Dollaro è salito leggermente a 1,185 e lo spread a 118 punti

3 ‘lettura

Segno meno per Mercati azionari europei, L’aumento delle infezioni da Govt-19 continua a essere una preoccupazione e le notizie sui prossimi vaccini sembrano già essere state compensate dal mercato con nuovi aumenti. Il Ftse Mib È sceso dopo essere salito al massimo di sette mesi nelle ultime due sessioni a Milano. I bollettini di nuove epidemie continuano ad attirare l’attenzione e i numeri continuano a salire: Tokyo ha toccato una corda con nuovi casi quotidiani. Nelle prossime ore, segnali per gli investitori arriveranno dagli interventi dei membri ECP, Il presidente Christine Lagarde avverte: “C’è un chiaro rischio di deterioramento dell’economia nel breve periodo”, ma conferma che la banca centrale “riconsidererà” i suoi strumenti per rispondere alla crisi di dicembre. Focus sugli Stati Uniti dove sono previsti vari dati macro, comprese le richieste settimanali Indennità di disoccupazione.

READ  L'Italia punta a rilanciare le IPO dopo le quotazioni del 2021

Diaspora si oppone alla vendita di petrolio in piazza Afari

Nelle azioni milanesi si compra bene la droga Di diazorina E mentre il detentore del record, Piper Banga, continua a correre, Goldman Sachs beneficia ancora del feedback positivo degli analisti. Invit va con Ferrari e Luxury Moncler. Sotto la lista ci sono titoli come il settore petrolifero Eni e Denaris, il più debole Exor e il Prismian. Le vendite toccano anche la Fca – che, insieme a Peugeot – ha deciso Convocare le riunioni dei rispettivi stakeholder il 4 gennaio per approvare la fusione Con due società che mirano a costruire la Stellandis, diventerà la quarta casa automobilistica al mondo in termini di moduli.

Caricamento in corso …

Listini “sospesi” tra contagio e vaccinazione

I mercati stanno cercando di stimare quanto durerà il blocco, o in generale, le misure di controllo e quanto velocemente potrebbe arrivare un vaccino, il che consentirà un reale allentamento e il ritorno alla normalità. Sembra quasi che i listini stiano salendo Una “raffinatezza” visiva dell’inverno (Con una terza ondata dopo Natale e serrature altalenanti) Grazie alla capillare distribuzione di vaccini per raggiungere il crescente default più tardi nell’inverno. Così, in borsa, molti investitori stanno iniziando a posizionarsi in società che sono state più colpite dalle serrature, e ora da una prospettiva – in un orizzonte di medio termine – già dopo il colpo di stato.

Leggermente diffuso a 118 punti

Leggermente al di sopra Diffusione Mts di titoli di Stato tra BTp e Bund nel mercato secondario. La differenza di rendimento tra il benchmark decennale italiano BTp e lo stesso periodo tedesco ha aperto la seduta a 118 punti base dai 117 punti di fine. Il rendimento del benchmark decennale BTp, che ha rinnovato il nuovo minimo storico dello 0,58% durante la sessione del 18 novembre, rappresenta lo stesso valore della chiusura precedente dello 0,62%.

L’euro si è spostato leggermente a 1,18 $, con il petrolio volatile

Nel mercato valutario, Euro Il dollaro-yen è stato scambiato leggermente al rialzo a 1,185 (da 1,1874 alla fine del 18 novembre) e 122,98 yen (da 123,105), mentre il dollaro-yen è stato scambiato a 103,837 (da 103,675). Il tasso di cambio della sterlina euro è salito a 0,8952, che dovrebbe essere un colpo diretto tra i negoziatori dell’UE e del Regno Unito sulla Brexit. Contrario Petrolio, Il greggio Brent è stato scambiato a $ 44,47 al barile (+ 0,3%) a gennaio, mentre il commercio WTI di dicembre è sceso dello 0,07% a $ 41,79.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PrettyGeneration