Inter, allarme di Marota: “In pericolo il default del calcio” | notizia

Inter, allarme di Marota: “In pericolo il default del calcio” |  notizia

“La situazione per il calcio italiano è catastrofica. Siamo di fronte a un rischio di default. Dobbiamo essere considerati di più dal governo, non in termini di denaro o finanziamenti, ma piuttosto permetterci di respirare. Ha detto l’amministratore delegato dell’Inter. Pepe Marotta, Intervista durante Global 2021: “Il grosso problema per il calcio oggi è che il costo del lavoro non è uguale Rispetto al giro d’affari fatto e realizzato – ha proseguito – la soluzione non è certo chiedere soldi in arena, è impensabile. Ma siamo uno dei maggiori contribuenti, pagando circa 1,2 miliardi di entrate fiscali contributive all’anno. Vogliamo avere almeno un differimento fiscale e vogliamo davvero essere uno dei maggiori contribuenti.

L’amministratore delegato dell’Inter (‘è una delle poche società che non riduce gli stipendi di giocatori e tecnici) lancia un vero monito e sottolinea la necessità di trovare soluzioni immediate alla crisi che ne deriva. Govt: “Ce n’era uno per questo virus L’impatto della violenza, In primo luogo per la salute, crea uno stato di allerta in ogni squadra. Ci siamo trovati ad affrontare la questione dell ‘”ignoranza”, confrontandoci con il sentimento di paura, nel senso che non sappiamo cosa stiamo affrontando. All’interno del club la priorità è tutelare staff e giocatori aderendo al protocollo che garantisce. ”

Parlando di come il virus ha cambiato il calcio, Marota ha voluto riaffermare la sua posizione nelle competizioni Nazionalisti: “Non sono contro le nazioni, ma Richiederà un’applicazione diversa. Il problema è valutare questa situazione in una stagione irregolare e su un calendario molto compresso. Quando si tratta di Mondiali ed Europei non si può dire nulla, ma quando si giocano partite che non hanno nulla a che vedere con la visione dello spettacolo, bisogna cercare di controllare le convocazioni “.

READ  L'Italia non elenca più Snum e CDP per gestire Energy Change, Energy News, ED Energy World

“Il dialogo tra nazionali e club non è mai stato, e lo è ancora, non oggi – ha aggiunto Marotta – Voglio che si rafforzi per aiutare i giocatori: se ci sono amici di poca importanza, i giocatori vanno misurati. Abbiamo dovuto gestire questa pausa Il numero peggiore è l’Italia, Con qualche Asl Quelli che non forniscono disponibilità ai giocatori alle federazioni. Questo è l’unico paese in cui ciò è accaduto e mostra come i problemi siano già dentro di noi “.

‘Al problema Tamponi‘Marota suggerisce la soluzione Laboratorio privato: “Oggi siamo soggetti a un condizionamento, che tu possa vedere una squadra da un buffer all’altro oppure no. La difficoltà maggiore per gli allenatori è gestire la pianificazione delle gare e gli allenamenti. Grande difficoltà Penso che tutta la Serie A dovrebbe essere centrata Quindi non creare situazioni diverse tra le squadre “,

Infine, Marota ha condannato la crisi del calcio, che includeva i numeri: “La Serie A produce 4 miliardi e il deficit in un anno medio è stato stimato in 700 milioni. Entro il 2021 ci stiamo dirigendo verso un deficit del 50%. Uno dei problemi maggiori Costo del lavoro Questo è il rapporto di turnover. A parte questo, con Stadi chiusi C’è un deficit nelle entrate al botteghino e si dice che l’Inter abbia più di $ 50 milioni in aggiunta. Entrate aziendali Derivato dal cosiddetto “giorno della competizione”, tra vendite e vari altri guadagni. Gli sponsor hanno iniziato a ridurre gli investitori pubblicitari, portando a una contrazione del fatturato del 20% e contenzioso con le aziende ”.


Guarda anche
Un campionato
Diffidenza: nove società di Serie A non rispettano i diritti dei consumatori su biglietti e abbonamenti

READ  Vicino a sfrattare chiunque lo percepisca come illegale

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PrettyGeneration