Il gestore degli investimenti affiliato al pastore Bushri ha negato la libertà su cauzione – Zimbabwe Post

Il gestore degli investimenti affiliato al pastore Bushri ha negato la libertà su cauzione – Zimbabwe Post
Pastore Bushri

Villa Mudolo, uno degli accusati nel caso R100m che coinvolge l’autoproclamato profeta del Malawi Shepherd Bushri, rimarrà in custodia dopo che martedì gli è stata negata la libertà su cauzione.

Mudolo, che gestisce una società di investimento e una società di sviluppo immobiliare, è comparso nel tribunale dei magistrati di Pretoria con sua moglie Jeetu e Landive Endloquana per un verdetto sulla richiesta di libertà provvisoria. Sua moglie ed Entloquana sono fuori su cauzione rispettivamente di Rs 100.000 e Rs 20.000.

Il trio, insieme a Bushri e sua moglie Mary, affrontano più di 100 milioni di sterline in accuse di frode, furto e riciclaggio di denaro presumibilmente legate a un piano di investimenti di Mudolo e una società di proprietà di sua moglie.

Il magistrato Thandi Teledi ha detto che il comportamento di Pushri e di sua moglie Mary, fuggiti in Malawi senza cauzione, non ha avuto alcun ruolo nella cauzione di Mudolo.

“La corte ha ritenuto che la corte non fosse riuscita a credere che al ricorrente sarebbe stato permesso di essere rilasciato su cauzione, quindi la cauzione è stata negata”, ha detto.

Teledy ha detto di essere sconvolto dalle accuse secondo cui Mudolo era in grado di comunicare con le persone durante la custodia.

“Durante la detenzione, ho potuto comunicare con estranei per vedere cosa poteva fare, e sono profondamente rattristato che l’abbia fatto. [alleged] I funzionari del tribunale stanno cercando di corrompere alcune persone “, ha detto.

Moodolo, il campione, ha detto alla corte che era innocente di qualsiasi illecito precedente.

“Vorrei ammettere che non sono colpevole. Ha detto nella sua dichiarazione giurata nella sua petizione su cauzione.

READ  Kamala Harris for Women: "Dream with great ambition"

Nel suo tentativo di libertà provvisoria, il legale rappresentante di Mudolo, l’avvocato J.P. Marais ha sostenuto che non c’erano prove che un membro della sua comunità di clienti sarebbe stato in pericolo se rilasciato su cauzione.

“Ha lasciato SA in diverse occasioni ed è tornato ogni volta. Ha solo una moglie e due figli. Non scapperà e li abbandonerà”, ha detto.

Tuttavia, il tribunale ha anche sentito che Mudolo, che avrebbe utilizzato passaporti diversi, ha tentato di lasciare il paese in tre diverse occasioni.

Il governo ha sostenuto che se fosse stata concessa la libertà su cauzione, Mudolo avrebbe lasciato il Paese, così come gli spacciatori.

Il rappresentante legale di Moodolo ha negato ciò, dicendo che la domanda di Moodolo dovrebbe essere risolta separatamente.

“Il fatto che Bushri e sua moglie, con l’aiuto di alcuni funzionari corrotti, siano riusciti a far uscire la SA in qualche modo illegale non dovrebbe influenzare questo tribunale. Questo non ha nulla a che fare con il primo posto accusato”, ha detto.

Mudolo ha detto alla corte che l’ufficiale inquirente della particolare unità di criminalità organizzata di Hawks aveva tre telefoni cellulari quando è stato detenuto presso il Centro di correzione di Kodochi Mampuru. I telefoni cellulari sono stati successivamente sequestrati.

Mudolo resterà in carcere fino a quando il caso non sarà aggiornato a febbraio.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PrettyGeneration