Gli affari rossi di Qualteri, l’inserzionista che ha preparato il cibo italiano che ha portato Obama a Milano

Gli affari rossi di Qualteri, l’inserzionista che ha preparato il cibo italiano che ha portato Obama a Milano

Ai bei vecchi tempi, quando correva da un incontro all’altro tra ministri, banche e dormitori privati, Marco Qualteri ha voluto raccontarvi della sua visita alla Casa Bianca e della sua frequente conoscenza con Kennedy. Ha spiegato: “Sono diventato il migliore amico di Kerry Kennedy” o l’ex moglie di una delle figlie di Bob (senatore assassinato nel 1968) e del governatore dello Stato di New York Andrew Cuomo. Poi Obama, Barack Obama, è atterrato a Milano nel maggio 2017, per partecipare come relatore alla conferenza “Seeds and Chips” su cibo e nutrizione organizzata da una vasta gamma di Qualdier, tra grandi raduni di politici e gente del posto.

La corsa degli imprenditori lombardi di 50 anni si è interrotta bruscamente in questi giorni. Il suo seed and chips è stato effettivamente dichiarato fallito alla fine di ottobre, con un debito di oltre $ 2 milioni.

La conferenza annuale sul cibo in programma a maggio è stata saltata a causa del governo, ma gli affari di Qualteri stavano già avendo molti problemi, almeno determinati dai budget. Nel 2018, quando l’ex segretario di Stato americano John Kerry ha partecipato all’evento milanese di seed and chips, i conti hanno accumulato perdite per 3,3 milioni. Intanto Gualteri, ospite dell’allora ministro degli Esteri Angelino Albano, era già sbarcato a Fornasina, dove non solo ne promuoveva ma raccomandava anche l’Italia come sede della Commissione mondiale dell’acqua. Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte stava parlando a un evento organizzato da Qualdieri nel 2019, e decine di diversi relatori e sponsor erano elencati nello show insieme al presidente del Consiglio. Tra gli ospiti, il Governatore di Buglia, Michele Emiliano, ha annunciato la firma di un accordo con semi e patatine, definito il think tank più importante al mondo sui temi del food and food.

Qualdeeri nasce circa vent’anni fa come fondatore e partner di TicketOne, la piattaforma di maggior successo per la vendita di biglietti online. Ha venduto l’azienda nel 2007 e nel tempo è stato riconosciuto come un eccezionale esperto in questioni relative alla nutrizione e allo sviluppo. Tuttavia, con l’avvento del credito, il debito è aumentato. In cima alla lista dei debitori in mostra per oltre 400mila euro vediamo la Fierra de Milano quotata in borsa, che ha ospitato nei suoi padiglioni eventi di seed and chips.

Triumph Italia, azienda specializzata nell’organizzazione di eventi, deve ancora più di 500mila euro. Nel luglio dello scorso anno, Qualdier ha fatto un passo indietro, lasciando la sua posizione di amministratore unico di semi e patatine per assumere il comando della neonata controllata Sustain & Ability. Nel frattempo, anche il piccolo gruppo di proprietà della 209 SRL (ex Milano Cuccina SRL) è stato in grado di sciogliersi. La scorsa estate Seeds & Chips ha richiesto un accordo, che è stato ritirato alla fine di ottobre. A questo punto si sono aperte le porte del fallimento.

READ  Juventus News Roundup: Birlow offre aggiornamenti sulla Juve, l'azione del Manchester United di Paulo Typhoon e altro ancora per ingaggiare l'attaccante senegalese: 20 dicembre 2021

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PrettyGeneration