Emilia, Veneto, Campania e Friuli. Il blocco nazionale è vietato

Emilia, Veneto, Campania e Friuli.  Il blocco nazionale è vietato
Zone rosse e arancioni: Emilia, Veneto, Campania e Friuli in equilibrio.  Il blocco nazionale è vietato

Disabilitazione E per il coprifuoco, potrebbero esserci 14 regioni entro il fine settimana, Oltre alla provincia di Bolzano, richiede più misure di controllo di quelle in atto in tutta Italia: non una serratura generale per prevenire lo sviluppo di infezioni Govt, Ma più di due terzi del paese sembra essere nella zona arancione o rossa proprio come noi. Dopo aver firmato il decreto per Abruzzo, Basilicata, Liguria e Toscana, Che comprende Sicilia e Bacchia in Zona Arancio – e mette in Zona Rossa la provincia di Polzano insieme a Calabria, Lombardia, Piemonte e Vale de Asta – il ministro della Salute Roberto Sporanza ha infatti impiegato qualche ora in più per affrontare non solo la situazione campana, già aggiornata lunedì in sala regia, ma anche Si valutano Venezia Giulia e Veneto, tutte regioni, secondo gli esperti, i cui parametri si trovano nel prossimo cielo. Gli interventi sono necessari per “aspettarsi”.

Covid, Brusafero (Release): “Il ruolo delle farmacie nella seconda ondata è sempre più importante”

Per ora, l’ipotesi di una nuova serratura totale “Non è”, non è sul tavolo, ribadiscono il governo e fonti della maggioranza. Gli stessi scienziati si ritirano, e Franco Locatelly, presidente del Consiglio per la salute superiore, parla del “collasso” della curva, “effetto delle misure già in atto” e di Silvio Brucefero dell’Istituto superiore di sanità sui “sintomi incoraggianti”. . Proprio nonostante le insistenze dei medici: Sylvester Scotty della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale (FIMG) ha definito ‘tutto chiuso’ dopo Anelli: “Serve una zona rossa in tutta Italia – dice – Penso sia assurdo che sia stato deciso in un momento in cui c’erano tante epidemie nel nord, Oggi ci riferiamo all’umorismo di questo puzzle “.

READ  Marzo, Pazienti governativi in ​​RSA e case di cura private: accordo su 200 letti. Regione: "Rischio di infezioni? Sono le strutture che garantiscono la sicurezza '

Chaos Calabria invita Gino Strada dopo i Commissari Conte Mess

Tuttavia, è vero che mezza Italia è già chiusa Bar e ristoranti Non si può andare dal proprio comune. Se sono comprese le 4 zone indicate dall’Azienda Sanitaria Superiore, oltre alla provincia di Trento, saranno in zona gialla solo Lazio, Molise, Marche e Sardegna. Durante il fine settimana, e verranno attivati ​​ulteriori tagli in tutta Italia, il Ministero dell’Interno chiede esplicitamente priorità per convocare i comitati di ordine pubblico e sicurezza con un duplice approccio: aumentare le restrizioni per evitare la folla nelle aree più frequentate delle città e delle località turistiche – come dimostrato dai film lo scorso fine settimana – e la vita notturna Da coordinare con i sindaci per chiudere quelle strade e piazze che si sono accumulate. Il segnale degli scienziati Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia e Veneto è chiaro: “In base alle ultime osservazioni 4 regioni si stanno dirigendo verso un rischio più elevato, di cui è opportuno aspettarsi l’attività più vietata” denominata Brusaffero. Tutti e quattro sono nella Situazione 4 (la peggiore delle ipotesi), secondo il documento ISS e la sala di controllo, con un rischio moderato, ma “alta probabilità di progredire ad alto rischio”.

Medaglia Anti-Govt “crea cache per prevenire qualsiasi virus”: tempesta sul segretario sindacale di polizia

CampaniaAd esempio, per citare alcuni parametri, per ogni 100.000 persone che vivono in 633,48, già al di sotto delle zone rosse, 21.434 nuovi casi a settimana (secondo alla Lombardia), il tasso di asciugatura positivo / panno è aumentato dal 10,5% al ​​18,1% a settimana. Nessuno può quindi escludere la possibilità di firmare nuovi ordini nei prossimi giorni. Non è un caso che i governatori di tre delle quattro regioni a rischio di estinzione – Stefano Bonacini, Massimiliano Federica e Luca Jaya – stiano leggendo un comando ‘comune’ per evitare di scivolare dalla fascia gialla all’arancio o al rosso. L’idea è di introdurre più misure di controllo in modo indipendente nelle tre regioni di quelle già in vigore: restrizioni alla circolazione e riunioni. Il presidente della Campania Vincenzo de Luca ribadisce invece di non aver preso alcuna decisione per la sua regione. “Questa sede è stata decisa ieri considerando la piena rispondenza dei nostri dati ai termini dei criteri oggettivi fissati dal Ministero della Salute”.

Kovit, il salto dei morti da Londra a Mosca. L’UE trema. “Morirò altri 20.000 in Italia”

Ultimo aggiornamento: 11 novembre, 00:40


© Revisionato

READ  "Mi hanno raggiunto all'Inter e ora c'è un vantaggio. Parlo di Ericsson ..."

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PrettyGeneration