Conte Alla Camera: ‘Nuove attività entro mercoledì. 15 aree a rischio ‘

Conte Alla Camera: ‘Nuove attività entro mercoledì.  15 aree a rischio ‘

La formazione a distanza nelle scuole superiori è al 100%, con limiti di movimento tra zone a rischio, centri commerciali chiusi durante le vacanze e chiusi prima delle vacanze. Ancora: musei, sale bingo e ippodromi saranno chiusi, il trasporto pubblico potrebbe essere pieno al 50% e ci saranno restrizioni alla circolazione pubblica la sera. Ecco le attività di carattere nazionale nel nuovo DBCM, il governo si prepara a lanciare domani, ha spiegato alla Camera il presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Nell’Ordine del coprifuoco nazionale, il Primo Ministro non ha menzionato l’ora, ma ha parlato della “tarda serata”, anche se l’ipotesi del 21 ° è stata ampiamente accettata Repubblica.

Pertanto, le suddette misure, valide su tutto il territorio italiano in quest’ordine, e le regole più stringenti distinte per regioni sono suddivise per gruppi di rischio. “Nel prossimo DPCM – ha spiegato Conte – citeremo 3 aree con tre situazioni di rischio e attività sempre più controllate. L’inserimento di una regione avverrà per ordine del ministro della Salute”.

“L’epidemia si sta diffondendo in tutta Europa, costringendo ogni Paese a prendere nuove misure di controllo settimana per settimana. Le nuove normative saranno pronte entro mercoledì”, ha detto Conte in aula. “Rinvio al parlamento ogni decisione sulla necessità di agire per” prevenire un improvviso scoppio dell’epidemia, perché 15 regioni sono a rischio entro il prossimo mese “, ha detto ai delegati all’inizio del suo discorso. Sono pronto. ”

READ  È morto oggi a Reggio Calabria un uomo di 66 anni con il virus della corona. GOM: "aveva altre gravi malattie simili". Bollettino ufficiale dell'ospedale [DETTAGLI]

Conte riapre la protesta: “Ripensaci”

Conte ha riaperto il colloquio con l’opposizione: “Ho proposto un tavolo di discussione con il governo per i leader dell’opposizione, ma al momento il piano è stato bocciato”. Ma ha osservato: “Se ci fossero stati dei ripensamenti, avrei potuto assicurarmi che la proposta del governo non sarebbe cambiata, e che questo non significa la confusione o la responsabilità dei personaggi più e più volte: il governo è pienamente consapevole di ogni sua decisione”.

Aumento delle infezioni

Il presidente del Consiglio ha presentato una serie di dati sull’epidemia, evidenziando che “la curva epidemica opera in tutti i continenti. L’Ue è una delle più colpite dall’impatto della seconda ondata all’interno della struttura globale”. L’aumento dei casi Govt nelle ultime settimane è di 150 contagi ogni 100mila persone – ha sottolineato – e la situazione nel nostro Paese si sta deteriorando, e la recrudescenza ha portato ad un aumento significativo delle epidemie ”.

Dbcm, Conte: “Attenti alla rabbia dei cittadini, ma la priorità è tutelare la salute”


Secondo il premier, “il quadro è peggiorato dalla prima ondata”, ma oggi “ci sono fino al 95% di sintomi lievi”. Secondo i dati di ieri, i ricoverati nei reparti di terapia intensiva degli ospedali italiani erano comunque il 1939, cioè “più della metà dei posti letto ringraziando le forniture governative con i commissari straordinari”. Pertanto, ha proseguito, “non siamo sotto una pressione insopportabile nelle unità di terapia intensiva, ma stiamo assistendo a una folla ansiosa, soprattutto nel reparto di terapia intensiva e nell’area medica in generale. È necessario sgomberare il pronto soccorso”.

Aree a rischio

Durante il suo discorso alla Camera, il Presidente del Consiglio ha avvertito: “Il quadro epidemiologico si sta spostando verso la scena 4, con alcune regioni in particolare. C’è una possibilità di violazione “.

Centro-destra: “Nessun blocco”

Nonostante il premier Conte abbia fatto appello all’opposizione per la massima collaborazione, il capogruppo dei Fratelli de Italia, Georgia Maloney, Risposta Facebook: “Se l’appello alla cooperazione è autentico, vediamo come PD e M5S votano per progetti di buon senso con la penna sulla carta di centrodestra: per noi, infatti, l’unica collaborazione possibile avviene in Parlamento, perché questo è il luogo dove decidi tu, non sarai ripreso dalle telecamere. “.

Polemica è stata sollevata anche in Aula Claudio Porky, Vicepresidente della Lega: “Signor Presidente – si rivolge al presidente del Consiglio Borgi – L’Italia non è una DBCM ma una repubblica costituita al lavoro. Stiamo riportando tutto all’ordine costituzionale perché la situazione è grave”. Ma il vicepresidente del Partito Democratico, Andrea Orlando, Suo Twitter Risponde: “Faccio appello ai commentatori che si chiedono perché finora non ci sia stata collaborazione tra maggioranza e opposizione per ottenere l’intervento alla Camera di Borky a nome della Lega”.

Intanto il centrodestra del consiglio ha presentato una risoluzione “per bandire la possibilità di una seconda serrata nazionale”. Questo documento è stato fornito da Lega, FD, Forza Italia e NC, secondo cui il governo, che è responsabile di ritardi ed errori di programmazione, ora chiude e chiama una nuova stagione, sempre più ripetuta, con conseguenze molto gravi per la nostra economia. La possibilità di una seconda serrata nazionale “.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PrettyGeneration